Skip to content

PADUTCHCAMPSITE.INFO

Ricevi Le Ultime Novità

SCARICA COLLATERAL BEAUTY


    Collateral Beauty - Ora in Digital Download. Il film con Will Smith dal 4 maggio in edizioni Blu-ray e DVD. Un uomo si rivolge all'universo dopo una tragedia e riceve una risposta inaspettata. Inizia a scoprire connessioni e a capire come anche una perdita possa. Collateral Beauty. T 1h 36minDrammi. Mentre un pubblicitario in lutto scrive Disponibile per il download. Generi. Drammi. Caratteristiche. Sentimentale. Collateral Beauty () Scaricare e Guardare ==>> padutchcampsite.info Ritirandosi dalla Collateral Beauty () Film ITA HD DVDrip Alta Qualita download. New York advertising executive collateral Beauty after personal tragedy, depressed. His colleagues tried to save it by snapping out of his poor mental state.

    Nome: collateral beauty
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file:66.20 MB

    SCARICA COLLATERAL BEAUTY

    Il film con Will Smith, che negli Stati Uniti ha ottenuto un risultato poco soddisfacente costato 36 milioni di dollari ne ha incassati soltanto 29 , si è piazzato al secondo posto dietro Mister Felicità di Alessandro Siani, totalizzando in quattro giorni 1,8 milioni di euro. Come successo spesso in altre occasioni vedi il successo dei film con protagonista Johnny Depp o Miss Peregrine di Tim Burton il nostro paese rappresenta una piccola isola felice per quelle produzioni e quelle star che ormai in patria non hanno più appeal, se non quando si legano a franchise in voga Smith con Suicide Squad , Depp con Harry Potter.

    Il fallimento al botteghino americano di film come Collateral Beauty o, per dirne un altro, Passengers impone una riflessione sulla fine dello star system. In entrambi i casi, il marketing ha giocato quasi esclusivamente sulla presenza massiccia di star hollywoodiane di spessore. In special modo nel secondo caso, il pubblico ha risposto picche, nonostante Chris Pratt e Jennifer Lawrence siano lanciatissimi e amatissimi.

    Ma qui in Italia certe cose non intaccano più di tanto il successo commerciale di una pellicola. Ancora subiamo il fascino del Principe di Bel Air, ritenuto da molti una sorta di garanzia di film di qualità.

    Il fallimento al botteghino americano di film come Collateral Beauty o, per dirne un altro, Passengers impone una riflessione sulla fine dello star system.

    Hai letto questo? DA VH1 SCARICA

    In entrambi i casi, il marketing ha giocato quasi esclusivamente sulla presenza massiccia di star hollywoodiane di spessore. In special modo nel secondo caso, il pubblico ha risposto picche, nonostante Chris Pratt e Jennifer Lawrence siano lanciatissimi e amatissimi. Ma qui in Italia certe cose non intaccano più di tanto il successo commerciale di una pellicola.

    Ancora subiamo il fascino del Principe di Bel Air, ritenuto da molti una sorta di garanzia di film di qualità. Se lo chiedeste a me, vi risponderei che Collateral Beauty è un film pessimo. Collateral Beauty è talmente saturo di dolore e di storyline che in 96 minuti continua ad aprire parentesi, chiudendone pochissime e lasciando in sospeso una quantità enorme di questioni. Una mercificazione della sofferenza umana che vorrebbe commuovere e sicuramente ci sarà riuscita in molti casi ma che si rivela un film freddo, calcolatore e ruffiano nella maniera più irritante possibile.

    Più di ogni altra cosa, Collateral Beauty è cinematograficamente brutto: schematico a tal punto da essere ripetitivo e prevedibile, derivativo è una rimasticatura per nulla originale di Christmas Carol di Dickens e di La vita è meravigliosa di Frank Capra e povero sia dal punto di vista estetico che sotto quello delle performance attoriali. Era un idea veramente intrigante e poi, come si fa a dire no alla personificazione dell amore?

    L attrice si stava godendo un raro momento di pausa dal lavoro, quando le è stato offerto di partecipare a Collateral Beauty. Ho un bambino molto piccolo e avevo appena finito di girare un film impegnativo, quindi in quel momento non me la sentivo di cercare altri ruoli, ricorda. Ho dato la sceneggiatura a mia madre, pensando che come al solito mi avrebbe detto No, non farlo, resta a casa con il bambino e riposati.

    Invece dopo averlo letto, mi ha telefonato in lacrime. Mi disse che era da molto tempo che non provava una cosa simile. Penso che il film parli di qualcosa che spaventa un po tutti, pur offrendo un incredibile senso di sollievo e di ottimismo.

    E inoltre, non sapevo come sarebbe finite e questo mi è piaciuto.! Per Whit, è una reazione automatica a tutte le bellezze che incrociano il suo cammino, ma che lo distrae dal suo bisogno effettivo: il coraggio di affrontare la rabbia della figlia e scoprire l amore che vi è nascosto prima che la frattura diventi insanabile. Nel frattempo, Howard viene avvicinato da colui che sospetta essere il Tempo, rappresentato da Jacob Latimore come un tosto ragazzo di strada di nome Raffi, che appare nei luoghi più inattesi: come ad esempio nel suo ufficio, oppure affiancandolo pericolosamente sullo skateboard e aggrappandosi al sellino della sua bicicletta.

    Nelle sue lettere, Howard è stato particolarmente duro con il Tempo, ricevendo in risposta le sue stesse accuse. Howard scrive cose che ogni padre vorrebbe dire al Tempo, se solo fosse possibile, afferma Latimore. Sei carne morta; sei legno fossile; uccidi la bellezza; rovini tutto. Vado sullo skate al suo fianco per attirare la sua attenzione e per entrare nella sua mente, dicendogli con crudezza che si sta sbagliando.

    “Collateral Beauty”, proiezione per il cineforum “Il coraggio di reagire” a Selvazzano

    Il Tempo è un dono e lui lo sta sprecando oziando e lasciandolo passare inutilmente. Ci sono milioni di motivi per cui continuare a vivere.

    Le nostre conversazioni sono frustranti, ma devo far finta che siano utili per poterlo aiutare in modo che lo capirà con il tempo. Latimore ha preso il ruolo come un atto di fede, che ora è felice di condividere con noi : Stavo quasi per uscire dalla porta dopo il provino, quando David mi chiese, Hey, sai andare in skateboard?

    Quando non è alle calcagna di Howard, ascoltando le sue lamentele, il personaggio di Latimore forma una connessione completamente diversa con Claire, che sta avendo i suoi problemi con il passare del tempo e la realizzazione delle mancate opportunità. Ma forse sono le conversazioni tra Howard e la donna che impersona la Morte, a disturbarlo maggiormente anzitutto perché, forse, la signora non è proprio come lui se l era immaginata.

    Questa è stata una scelta intenzionale dello sceneggiatore, personalizzata in seguito da Helen Mirren con un acuta onestà sentimentale, arguzia e una scintilla nello sguardo. Howard sfida la Morte, ci discute, si arrabbia, dice la Mirren.

    Lui è ovviamente un uomo che soffre profondamente. Ha smarrito la sua strada nel mondo e ha perso la presa su come comportarsi, a causa del terribile trauma appena successo.! Helen ha deciso che la Morte dovesse avere un grande senso dell umorismo e quindi, quando interagisce con Will, già dal loro primo incontro, ha un approccio alquanto scherzoso, bilanciato in seguito con una vena di compassione altrettanto profonda, racconta Frankel. Succede spesso agli esseri umani e al modo con cui le persone si confrontano tra loro.

    Il centro essenziale della storia, è l idea della bellezza collaterale e io spero che le persone dopo averlo visto, usciranno dal cinema con un maggiore senso di ottimismo e di impegno nella vita. La Mirren presenta lo stesso tipo di persona degli altri personaggi del gruppo, trovando nel Simon di Peña una certa affinità, qualcuno che le interessa e si adatta al suo tono, sia nelle situazioni forti che in quelle più tenere.

    Infatti, lui prova empatia per il suo personaggio, tanto che Simon confida in lei per quello che lo ha tenuto lontano dalla famiglia e dei suoi amici. La Mirren dice, Prova a farlo guardare oltre il razionale e lo convince a condividere il suo segreto.

    Puoi parlare quando sei pronto: Madeline Quando le domande e le emozioni si susseguono incessanti, Howard ha un luogo personale che frequenta spesso.

    Prima clip per Collateral Beauty

    C è un luogo in città dove, dopo gli impegni quotidiani, un gruppo di persone accomunate dal dolore si riunisce per parlare delle persone che hanno perduto, per mostrare fotografie e darsi conforto reciproco.

    Per molte sere, Howard si avvicina a questo luogo. Getta l occhio attraverso la finestra ma senza mai entrare, guardando i gesti gentili e i sorrisi benevoli della donna che guida il gruppo. A volte lei guarda in sua direzione, ma ogni volta lui scappa via. Madeline, interpretata da Naomie Harris, è una donna che offre conforto alle persone afflitte da dolore, impegnata ogni giorno con il suo gruppo di supporto.

    Collateral Beauty - DVD | padutchcampsite.info

    Come loro, e quindi anche come Howard, ha perso un figlio. Ma a differenza di Howard, dice Harris, Credo che subito dopo il tragico evento, Madeline abbia iniziato a cercare il modo per metabolizzare il fatto, iniziando a frequentare gruppi di supporto simili al suo, già da subito. Ammiro molto la forza d animo di Madeline. È una donna piena d amore e di coraggio che le fa affrontare la sua perdita in quel modo, determinata a crescere e ad andare avanti, al contrario di Howard che volta le spalle al problema.

    Lui non ci riesce. Non ha coraggio ad iniziare ad affrontare il suo dolore. La guarigione di Madeline avviene per mezzo del suo lavoro. Ha trovato il modo, attraverso il proprio dolore, di dare un significato alla vita aiutando il prossimo a confrontarsi con le loro perdite, e per questo le sono molto vicino, aggiunge Harris.

    Quindi le sue occhiate a quella figura tormentata fuori dalla finestra, la spinge a volerlo conoscere di persona.!

    Lei ha la fantastica abilità di convogliare emozioni che giacciono nel fondo dell anima per portarle in superficie Uno dei doni di Madeline è la pazienza. Spera che un giorno, una volta pronto, Howard attraversi il baratro e entri nel gruppo. Let s Hurt Tonight L idea di lavorare sul dolore delle persone, viene riflessa nella versione speciale del nuovo brano dei OneRepublic, Let s Hurt Tonight scritta e prodotta dal cantante e leader della band, Ryan Tedder e da Noel Zancanella, e interpretata per il film dai OneRepublic.

    La canzone era già stata incisa quando un collega di Tedder, che aveva assistito ad una proiezione di Collateral Beauty, si rese conto che il tema del film e della canzone erano estremamente assonanti. Alla fine Tedder si è messo in contatto con i produttori per constatare che fosse vero.

    Anche io ho figli e, da genitore, l idea di perderli è quanto di più crudele possa succedere. Per il film, continua, l unica cosa che abbiamo modificato è stata l introduzione musicale e abbiamo aggiunto alcuni archi. Sfruttando le note di speranza del finale della storia, la versione remix di Let s Hurt Tonight è stata montata sui titoli di coda. Durante il nostro primo incontro, ricorda Loeb, pensava che il Natale a New York in special modo a Manhattan fosse una delle immagini più grandiose, grazie alla sua patina lucente e all eccitazione delle persone.

    Nella nostra nazione, tutti sanno di cosa si tratta e tutti ne vogliono fare parte. È il piccolo villaggio nella grande città preferito in America e lui voleva catturare questa cosa.! Altri luoghi famosi includono Park Avenue, dove Whit si reca a visitare sua figlia, che abita con il patrigno; un negozio della Le Pain Quotidien di Lexington Avenue, dove Simon prende un caffè e poi Bergdorf Goodman sulla Fifth Avenue, dove Claire e Whit si incontrano per decidere cosa fare per Howard.

    Non volevamo solo immagini belle ma luoghi reali e un look particolare che suscitasse una risposta emotiva, nota il produttore Frakes, al quale la Britannica di nascita Kate Winslet aggiunge con entusiasmo, Natale a New York è meraviglioso.

    Ci ho vissuto per nove anni e ci manca ancora tantissimo le piste di pattinaggio e le sue luci, le vetrine sono pazzesche e tutto è elettrizzante. Abbiamo girato parecchie scene notturne e faceva molto freddo. A volte la neve era vera e a volte era artificiale, ma in ogni caso c era sempre quella certa aria di festa.

    Le riprese sono state realizzate soprattutto durante i fine settimana, e la scenografa di Collateral Beauty Beth Mickle ha sfruttato gli ampi spazi aperti e moderni della compagnia, i muri trasparenti, i numerosi spazi per le riunioni e la caratteristica scala aperta, alla quale ha aggiunto lo stemma della Yardsham Inlet e altri dettagli decorativi tipici delle feste. Invece, gli interni dell ufficio di Howard sono stati costruiti presso i Silvercup Studios del Queens, per alloggiare ma anche controllare i grandi disegni del domino al quale dedica la maggior parte del suo tempo.

    Tre giovani progettisti di domino, il cui lavoro viene apprezzato dai fan delle community online, sono stati ingaggiati per realizzare le complesse figure mostrate nel film. Lily Hevesh, 17, assieme a Shane O Brien, 19 e Nathan Heck, 15, hanno lavorato insieme sul set, hanno dimostrato il loro talento individuale sotto la direzione artistica della Mickle, dando vita a forme!

    Nel corso del film sono state usate oltre 50, tessere, sia per le figure mobili che dovevano essere abbattute per le riprese, che quelle che erano state incollate. Abbiamo fatto cadere il disegno per la prima ripresa del giorno. Oltre che a Manhattan, le location usate dalla Mickle includono una casa sulla 86 th Street di Glendale, Queens, dove Whit si è trasferito dalla madre a seguito del tormentato divorzio. Tra gli altri luoghi scelti a Brooklyn, c era la stazione della metropolitana di Church Avenue, il teatro St.

    Ensemble di Columbia Place. Dato che la produzione è iniziata un paio di mesi dopo le festività natalizie, il team della Mickle ha dovuto decorare di nuovo una certa quantità di aree in giro per la città, per creare lo speciale sfondo del film.

    Siamo andati in giro casa per casa, cercando di convincere i proprietari a lasciarci mettere di nuovo le decorazioni, dice. Per fortuna, Quasi tutti quelli che abbiamo contattato hanno accettato. Abbiamo usato diversi stili, con pezzi belli, divertenti, kitsch e vintage e anche molte ghirlande eleganti. In questo articolo non ci concentreremo sul cinema, ma sulla proposta del film, sugli insegnamenti che possiamo trarre e sulla sua relazione con la psicologia. Subito dopo, assistiamo a un presente molto diverso, in cui Howard ha perso la figlia di sei anni e, di conseguenza, la gioia per il suo lavoro, per i suoi amici e in generale di vivere.

    Howard non parla più, non mostra interesse per nulla ed è sempre sul punto di piangere. Questa morte, oltre a gettarlo in una depressione che gli impedisce di vivere, lo ha fatto separare dalla moglie, come succede nella maggior parte dei matrimoni dopo la perdita di un figlio.

    Aimee, Raffi e Brigitte poi ricevono il pagamento offerto da Claire per i loro servizi, e Claire confida a Raffi che lei ha rinunciato a diventare madre, ma Raffi la rassicura sulle sue capacità e sul fatto di avere ancora "tempo" per prendere la sua decisione e che i figli non sono solo quelli che si partoriscono; inoltre Whit capisce di amare troppo la figlia per perderla e tenta con successo un rappacificamento, mettendo a nudo le sue emozioni; d'altro canto Simon accetta la propria prossima morte, confidandosi con i familiari per dar loro l'occasione di dirgli addio.

    La vigilia di Natale, Howard si presenta a casa di Madeleine, una volta entrato si guarda intorno e nota che Madeleine stava piangendo: stava rivedendo un video di sua figlia con il padre. Madeleine ripete il nome della figlia e la malattia che l'ha portata alla morte e chiede a Howard di fare lo stesso, ma lui nuovamente non riesce. Rivedendo il video, finalmente riesce a riconoscere la morte di sua figlia, ad accettare la breve vita che ha vissuto la piccola, e ricordare il suo intenso amore per lei.

    Infine, mentre Howard e Madeleine camminano per un parco mano nella mano, Howard si accorge di Aimee, Raffi e Brigitte, che orgogliosamente li osservano.