Skip to content

PADUTCHCAMPSITE.INFO

Ricevi Le Ultime Novità

SCARICA PEPPE BARRA


    La cantata dei pastori | Peppe Barra disponibile in streaming hi-fi, o in download in Vera Qualità CD su padutchcampsite.info PEPPE BARRA SCARICA - Read {MP3 ZIP} Download N'attimo by Peppe Barra from the story Clock by hyperotretan with 0 reads. Ecco il Testo (karaoke) della base che vuoi scaricare, il link per effettuare il download di Cicerenella – NCCP & Peppe Barra di Nuova compagnia canto popolare. Playlist for streaming and download MP3 Featuring Peppe Barra Aitano | | Paulstathammusic | padutchcampsite.info Playlist for streaming and download MP3 Featuring Peppe Barra E Concetta Barra Tammurriata Nera | | Paulstathammusic | padutchcampsite.info

    Nome: peppe barra
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file:53.57 MB

    SCARICA PEPPE BARRA

    Un appuntamento inserito nella rassegna proposta a Catanzaro, al Teatro Comunale, da Ama Calabria e dal suo direttore Francescantonio Pollice. Lo spettacolo prende spunto da una leggenda partenopea. Un uomo di chiesa, ma anche un eccentrico uomo di scienza, che spiattellava invenzioni divenute leggendarie, al limite della stupidità, su tutte quella di voler convincere i propri cavalli a campare solo di acqua.

    I cavalli di Monsignor Perrelli non tradisce i canoni del teatro napoletano mettendo insieme recitazione e musica. Mi ha fatto diventare quello che sono, con tutta la sua cultura misterica, segreta. Barra mostra con ancora una volta di essere in possesso di una genialità creativa senza pari.

    Attore e cantante, riceve nel un Master Honoris Causa in "Letteratura, scrittura e critica teatrale" dall'Università "Federico II" di Napoli, per aver "portato la cultura della tradizionale locale in una dimensione internazionale. Di domande da porgli ne raccolgo da quando avevo più o meno quattordici anni e, se da un lato il mio ruolo in questo contesto mi impone di fare una cernita che avrei preferito evitare, dall'altro compensa la gioia di un momento che mai e poi mai avrei immaginato potesse accadere.

    Maestro, lei ha contribuito in maniera determinante al successo de "La gatta Cenerentola", opera del , scritta da Roberto De Simone con La Nuova Compagnia di Canto Popolare e ispirata a "Lu cuntu de li cunti" del di Gianbattista Basile. In quello spettacolo lei era protagonista nelle vesti della matrigna, ruolo che ha personalmente contribuito ad arricchire, attraverso le sue conoscenze e le ricerche sui riti popolari.

    A conti fatti, sente di aver dato o ricevuto di più da "La gatta Cenerentola"? Credo sia stato uno scambio costante e continuo.

    Provincia di Teramo

    Poi, non se ne comprende la ragione, questo spettacolo, la cui prima fu peraltro accolta con enorme successo al Festival dei Due Mondi di Spoleto, non è più stato rifatto. E della nostra purtroppo non è rimasta traccia video, ad eccezione di una registrazione del terzo atto, effettuata dal telegiornale dell'epoca proprio in occasione del Festival di Spoleto. Da quarant'anni, invece, mette in scena "La cantata dei pastori".

    Sono circa diecimila gli spettatori che ogni anni vengono a Napoli ad assistere alla rappresentazione teatrale, ma cosa direbbe, invece, a chi ancora non l'ha fatto: perché chi viene a Napoli dovrebbe vedere "La cantata dei pastori"? Perché si viene a Napoli e si visita il Museo Archeologico?

    Perché si sale sul Vesuvio o si va agli scavi di Pompei?

    Per lo stesso motivo si dovrebbe vedere anche "La cantata dei pastori", perché fa parte di una grande fetta di storia napoletana, una fetta estremamente significativa. Lei ebbe nel l'incarico di reinterpretare in lingua napoletana "Bocca di rosa", celebre brano di Fabrizio De Andrè. Le va di raccontarci del rapporto con lui? Il rapporto con Fabrizio fu fugace ma allo stesso tempo assai intenso, ci sentimmo telefonicamente e trovai fosse stato molto carino a telefonarmi lui personalmente.

    Album e canzoni di Peppe Barra - CD in vendita su laFeltrinelli

    Mi propose di scegliere un brano fra i suoi, da inserire poi nella raccolta "Canti randagi"; mi disse che avrei potuto prendere quello che più mi piaceva e tradurlo. Della traduzione, che risulta geniale, chiesi in verità di occuparsene a Vincenzo Salemme, eccellente scrittore. Io reinterpretai quindi il nuovo testo a mio modo e, devo dire senza falsa modestia, venne fuori proprio una cosa bella. Tant'è che De Andrè disse che ormai "Bocca di rosa" non era più sua, ma mia e in qualche modo, sai, forse aveva ragione.

    Nel senso che sono due brani diversi: uno, il primo e meraviglioso, è senza dubbio suo; l'altro, allo stesso modo, è mio. Lei ha interpretato anche "Lo shampoo" di Giorgio Gaber. Guardi, una cosa su tutte unisce me e Giorgio Gaber: la follia.

    Gaber, come me, era un istrione, un affabulatore, un artista seduttore del teatro. Lui seduceva con la voce, con la sua bella dizione, con la presenza scenica importante, anche questi sono aspetti che ci avvicinano.

    Le cose di Giorgio Gaber ndr che più apprezzavo erano l'ironia estrema, aspetto in comune, e la preparazione politica. E perché, fra i tanti, ha scelto di reinterpretare "Lo shampoo" come unico brano?

    Perché l'ho trovato il più folle, il più ironico e poi, a dire il vero, l'originale ha anche una leggera connotazione politica. Lo abbiamo visto e apprezzato in "Napoli Velata", diretto da Ferzan Ozpetek, in cui si mostra una Napoli misteriosa, attraente, ma anche pericolosa, un po' come tutte le cose che seducono.

    Ma che cos'è Napoli per lei? Napoli per me è tutto. Napoli è mia madre l'attrice e cantante Concetta Barra ndr , sono i miei ricordi; Napoli è la mia fanciullezza, la mia adolescenza.

    Cicerenella – NCCP & Peppe Barra

    Eccolo, questo mondo, moltiplicarsi nelle ombre che gli si muovono intorno in un Borgo Marinari presunto; rifugio di suoni lontani, di lingue straniere, di voci arrochite dal mare. Restano i suoni che si manifestano ed amplificano a seguire nel racconto di scena. E' una musica di strada, nobilmente plebea, musica ancora degli ultimi, dei sacrificati, dei veri. Una musica che riorchestra, tempi del Vico Finale. Hai letto questo?

    Una musica che restituisce l'indomita dignità di corpi immiseriti dal destino, che racconta del loro vitalismo inesausto, di una violenza che cresce, neppure silente. Finalmente è possibile anche aggiungere commenti e discutere sul brano.